menu Menu

Graffiti antichi e moderni

Le pareti preistoriche e i muri contemporanei di Haring.

Gli uomini preistorici disegnavano e dipingevano su pareti di roccia, dentro caverne o all’aria aperta. Si dirà: non avevano carta e tele, non potevano fare diversamente. In realtà, avevano altri materiali, il legno, per esempio, o le pelli di animale, e non possiamo affatto escludere che li abbiano utilizzati per creare opere che poi non […]

Read more


La Conversione di San Paolo di Caravaggio

Un vero e proprio giallo nella storia di un grande capolavoro.

Roma, luglio 1600. Monsignor Tiberio Cerasi, tesoriere di Papa Clemente VIII, acquistò una piccola cappella nella Chiesa di Santa Maria del Popolo, destinandola alla sua sepoltura. Affidò la ristrutturazione architettonica del vano a Carlo Maderno, in quegli anni il miglior architetto di Roma; per la sua decorazione, invece, contattò i due pittori più famosi della […]

Read more


Banksy, pittore fuorilegge

Le ironiche provocazioni di un artista mascherato.

All’inizio degli anni Settanta, nelle grandi metropoli americane, soprattutto a New York, si affermò una particolare forma d’arte realizzata con i colori spray sui muri degli edifici abbandonati, nei sottopassaggi stradali, nelle gallerie della metropolitana o sui vagoni dei treni, definita poi Street Art o anche Graffiti Art (Graffitismo, in italiano). Con le sue grandi […]

Read more


Uta di Naumburg è sempre “la più bella del reame”

Dal Medioevo a un classico Disney. Un fascino che il tempo non ha corrotto.

Intorno alla metà del XIII secolo (1260 circa), all’interno della Cattedrale di Naumburg, in Germania, nelle cappelle absidali del coro furono collocate alcune statue. Si trattava dei dodici fondatori e dei benefattori di questa chiesa, morti due secoli prima. Quattro sculture, in particolare, entrarono da subito nel cuore della gente. Esse rappresentano due fratelli ritratti […]

Read more


La Gioconda di Leonardo

Il fascino misterioso del quadro più famoso del mondo.

Quando si parla di arte, in particolare di pittura, e si chiede di proporre un esempio, in genere viene subito in mente un capolavoro in particolare: la Gioconda dipinta agli inizi del XVI secolo da Leonardo da Vinci (1452-1519). Non un quadro ma “il” quadro, l’opera d’arte per antonomasia, l’emblema della pittura stessa. Tutti la […]

Read more


Impressionismo

Dipingere ciò che si vede, come lo si vede.

A iniziare dai primi anni Sessanta del XIX secolo, alcuni giovani pittori decisero di intraprendere una coraggiosa battaglia contro l’arte accademica, la quale era così tanto apprezzata all’epoca, mettendo in atto una vera e propria rivoluzione tecnico‑espressiva: la rivoluzione impressionista. Furono soprattutto i capolavori di due realisti, Courbet e di Manet, e soprattutto Le déjeuner […]

Read more


Un volto velato

L’incomparabile bellezza del Cristo di Sanmartino a Napoli.

Nel cuore pulsante di una Napoli caotica e vitale si trova una cappella austera e silenziosa, dove si entra rispettosi e quasi intimoriti. È la Cappella Sansevero. Un luogo carico di mistero, che si percepisce tangibilmente, perché non è solo un mausoleo nobiliare ma un vero e proprio tempio iniziatico, ricco di simbologie. Così lo […]

Read more


La fotografia contemporanea come forma d’arte

Quando un fotografo è un grande artista.

Nel corso degli anni Ottanta e Novanta del Novecento si è concluso quel processo, iniziato negli anni Venti, che ha portato a identificare la fotografia come una forma d’arte autonoma, che non imita la pittura o la scultura ma indaga la realtà e i temi della bellezza, del dolore, della vita attraverso un linguaggio autonomo […]

Read more


L’eleganza della stilizzazione

I volti cicladici e le sculture di Brâncus͕i a confronto.

Migliaia di anni fa, nell’Arcipelago delle Cicladi, nel Mar Egeo (la parte orientale del Mediterraneo), si affermò una civiltà detta, appunto, cicladica. Fu ricca, di marmo, di rame, di ossidiana; fu fiorente e pacifica. Poi sparì, quasi senza lasciare traccia. Ce ne restano, a ricordo, alcuni misteriosi idoletti, realizzati con un linguaggio talmente arcaico, remoto […]

Read more


La Cupola del Brunelleschi a Firenze

Un simbolo del Rinascimento e dell’ingegno dell’uomo.

Ci sono monumenti che per grandiosità, potenza e bellezza non solo entrano di diritto a far parte del patrimonio dell’umanità ma sono universalmente ammirati, generazione dopo generazione, oramai da alcuni secoli. È il caso della Cupola del Brunelleschi a Firenze, un simbolo del Rinascimento e un monumento all’ingegno dell’uomo. Di un solo uomo, ossia del […]

Read more


La re-performance: copia, falso o nuovo originale?

Il lavoro di un performer può esistere anche al di fuori di lui.

Il 21 settembre 2018 è stata inaugurata a Firenze, dentro Palazzo Strozzi, una grande mostra retrospettiva dedicata a Marina Abramović (1946), certamente una delle personalità più celebri, ammirate, contestate e controverse dell’arte contemporanea. Esponente di spicco della Body Art, Abramović ha davvero rivoluzionato, in 50 anni di carriera, l’idea stessa di performance, con esperienze talvolta […]

Read more


Marina Abramović: l’arte è vita

«Può essere l’arte isolata dalla vita? Deve esserlo?».

L’arte contemporanea ha comportato un radicale spostamento dell’attenzione collettiva dall’opera all’azione dell’artista. Nel contesto dell’Action Painting, Pollock, per fare un solo esempio, ha camminato sulle sue tele colandovi sopra il colore. Alcuni artisti hanno invece scelto di seguire un’altra strada, dando vita a una corrente nota come Body Art. Nata alla fine degli anni Sessanta […]

Read more


Il bacio di Hayez: amore e libertà

Una delle immagini più celebri del Romanticismo

Il bacio di Francesco Hayez (1791-1882) non è solo il dipinto più importante di questo straordinario artista ma sicuramente uno dei capolavori più celebri del Romanticismo e di tutta la pittura dell’Ottocento in Italia, tanto da essere entrato nell’immaginario collettivo diventando il simbolo stesso dell’amore romantico. Caposcuola del Romanticismo italiano, ammiratissimo dai contemporanei, Hayez contribuì […]

Read more



Previous page Next page

keyboard_arrow_up