menu Menu

Ventri gravidi di mistero

La Madonna incinta di Piero e la “grande pancia” di Kapoor.

Già dalla prima metà del Trecento, in Toscana iniziarono a circolare raffigurazioni realistiche della Vergine incinta. Questo nuovo soggetto iconografico, presto identificato come Madonna del parto, presenta la giovane Maria, ritratta in genere in piedi, in posizione frontale e in stato avanzato di gravidanza. Unico elemento che la distingue da una qualunque altra futura mamma […]

Read more


Rabbit di Jeff Koons

Il coniglietto (e altre opere) dell’artista dei record.

Lo scultore statunitense Jeff Koons (1955) è l’emblema del fenomeno neo-pop che ha interessato l’arte contemporanea negli anni Ottanta e Novanta. Artista-divo scanzonato e sfacciato, emule di Warhol, ha cavalcato l’onda di un cattivo gusto oramai globalizzato, ha giocato con il livellamento tra cultura elevata e cultura di massa ed è stato il principale, consapevole […]

Read more


Da Rubens a Saville: quando la bellezza è curvy

Artisti di ieri e di oggi contro l’idea stereotipata della figura femminile.

Pieter Paul Rubens (1577-1640), fiammingo, è considerato uno dei pittori europei più colti del Seicento, al pari dei grandi maestri del Rinascimento italiano. La vastità dei suoi interessi e delle sue conoscenze in campo artistico ne fecero uno spirito universale e gli garantirono un prestigio ineguagliabile. Filippo IV di Spagna lo nominò consigliere di Stato […]

Read more


Giacomo Balla, un cagnolino e una bambina

Due amabili capolavori futuristi.

Il Futurismo nacque ufficialmente nel 1909 con la pubblicazione sul «Figaro» del Manifeste du Futurisme, redatto dallo scrittore Filippo Tommaso Marinetti (1876-1944). Nel Manifesto di Marinetti, si celebrò il culto del coraggio e dell’audacia, l’amore del pericolo, il mito della velocità e soprattutto si incitò il pubblico alla lotta contro il passato: «noi vogliamo distruggere […]

Read more


Le mamme di Millet e di Van Gogh

La tenerezza di un amore materno.

Il pittore realista francese Jean-François Millet (1814-1875) dedicò tutta la sua carriera alla rappresentazione della vita quotidiana dei contadini, dei pastori, dei taglialegna. Il suo realismo, fondato sulla conoscenza dei maestri del passato e sulla sensibilità contemporanea, soprattutto romantica, si tinse di un certo misticismo. «Perché mai – scrisse – il lavoro di un piantatore […]

Read more


La Dama con l’ermellino di Leonardo

Un omaggio al fascino e all’intelligenza della donna.

Scrisse Leonardo da Vinci che «il bono pittore ha da dipingere due cose principali, cioè l’huomo e il concetto della mente sua. Il primo è facile, il secondo difficile perché s’ha a figurare con gesti e movimenti delle membra». Secondo Leonardo quindi, l’uomo e la donna vanno rappresentati nella loro integrità fisica e spirituale; per […]

Read more


La lattaia di Vermeer

La capacità poetica di raccontare piccoli momenti di vita.

Nell’Olanda del Seicento, il piacere di possedere quadri fu molto diffuso; ogni borghese, appena poteva, ne comprava uno da appendere in casa o nella sua bottega. Il pubblico amava i soggetti più semplici e comprensibili, nei quali poteva facilmente riconoscersi; i pittori si adeguarono facilmente alle esigenze di mercato: e in un paese dove gli […]

Read more


Il quarto stato di Pellizza da Volpedo

Una icona del lavoro, ancora attuale.

Giuseppe Pellizza da Volpedo (1868-1907) è stato uno dei più importanti pittori divisionisti in Italia. Dopo un esordio come pittore verista, infatti, aderì al Divisionismo italiano adottandone sistematicamente la tecnica pittorica. Sensibilizzato dal pensiero di Engels e dalle letture del marxista italiano Antonio Labriola (1843-1904), sentì l’esigenza di approfondire nei suoi quadri le tematiche sociali; […]

Read more


Da Courbet a Salgado: raccontare il lavoro, denunciare lo sfruttamento

Un grande pittore e un grande fotografo dalla parte dei lavoratori.

Gli uomini e le donne che lavorano, per molto tempo, sono stati protagonisti o anche solo comprimari di importanti opere d’arte: sin dai dipinti rupestri della preistoria, se consideriamo le scene con i cacciatori che si procacciano il cibo. Fu tuttavia dal XIX secolo, con la rivoluzione industriale e l’affermazione del socialismo, che l’attenzione nei […]

Read more



Previous page Next page

keyboard_arrow_up