menu Menu
L’Adorazione dei Magi di Stefano da Verona
Una deliziosa Adorazione tardogotica.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in L’età gotica – Data: Gennaio 3, 2020 0 commenti 1 minuti
L’Adorazione dei Magi di Masaccio Articolo precedente L’Adorazione dei pastori di Lorenzo Lotto Prossimo articolo

Versione audio:

Stefano da Zevio, meglio noto come Stefano da Verona, è certamente una delle personalità più affascinanti della cultura gotica internazionale in Italia. Nacque nella città veneta intorno al 1370 e vi morì dopo il 1438.

Stefano da Verona, Adorazione dei Magi, 1434. Tempera su tavola, 47 x 42 cm. Milano, Pinacoteca di Brera.
Leggi anche:  L’Adorazione dei Magi di Gentile da Fabriano

Sua opera certa è l’Adorazione dei Magi di Brera, firmata e datata 1434. Questo piccolo dipinto mostra un palese legame con il modello iconografico proposto, per lo stesso soggetto, da Gentile da Fabriano. Eseguito probabilmente a Verona, esso presenta, in primo piano, una scena affollata da esili e delicati personaggi, elegantemente vestiti e intenti a rendere omaggio alla maestà del Bambino.

Stefano da Verona, Adorazione dei Magi, 1434. Particolare.

Le linee sinuose, la preziosità dei dettagli, la sontuosa ricchezza delle vesti, dei gioielli e delle bardature dorate creano una immagine che forse inficia la sacralità dell’episodio evangelico ma delizia lo sguardo dello spettatore. A sinistra, un gruppo di pastori pascola le pecore; al centro, alcuni cacciatori fanno ritorno dalla caccia con la preda. Sul fondo, con un audace salto spazio-temporale (consueto nell’arte del tempo), si ritrova il corteo dei Magi che si approssima alla capanna. La spazialità dell’insieme non ricerca aspetti di verosimiglianza: al contrario, tutta la scena è concepita per essere presentata come irreale e fiabesca.

Leggi anche:  L’Adorazione dei Magi di Lorenzo Monaco
Stefano da Verona, Adorazione dei Magi, 1434. Particolare.

Pinacoteca di Brera Stefano da Verona Tempera Trecento


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Pubblica il commento

keyboard_arrow_up