menu Menu
L’Assunta di Tiziano
Un dipinto rivoluzionario nella Venezia del primo Cinquecento.
By Giuseppe Nifosì Posted in L’età rinascimentale: il Cinquecento on 20 Novembre, 2019 One Comment 5 min read
La tempesta di Giorgione Previous La Pala di San Giobbe del Bellini Next

Versione audio:

A Venezia la cosiddetta “insula dei Frari” trovò per lungo tempo un centro artistico e spirituale nella maestosa Basilica dei Frari, addossata all’antico convento dei Frati Minori Conventuali. Fu per questa chiesa grandiosa che, nel 1516, il priore del convento commissionò a Tiziano (1488/90-1576), giovane ma già apprezzato e ammirato pittore, la grande pala con l’Assunta per l’altare maggiore. Si trattava della più importante commissione religiosa ufficiale sino a quel momento ricevuta dall’artista.

Basilica dei Frari, Venezia, veduta dell’abside.

La grande tavola fu completata nel marzo del 1518, dopo due anni di lavoro, e collocata in una monumentale edicola marmorea, realizzata su misura del dipinto. Tuttavia, le novità iconografiche e pittoriche proposte da Tiziano, così orgoglioso del suo lavoro da firmarlo, lasciarono interdetti un po’ tutti, dai committenti agli altri artisti ai fedeli. Lo scrittore rinascimentale Ludovico Dolce scrisse, alcuni anni dopo, che «i pittori goffi e lo sciocco volgo, che insino allora non avevano veduto altro che le cose morte e fredde di Giovanni Bellini, di Gentile e del Vivarino, ec., le quali erano senza movimento e senza rilievo, dicevano della detta tavola un gran male». Il problema era che l’opera di Tiziano risultava completamente priva della tipica bidimensionalità bizantineggiante che ancora era tanto cara ai Veneziani dell’epoca. I Frati Minori, insomma, valutarono di rifiutare l’opera. Appresa la notizia, l’ambasciatore austriaco, emissario dell’imperatore Carlo V, si offrì immediatamente di acquistarla. Fu così che i frati, riconoscendo di aver sottovalutato il lavoro di Tiziano, cambiarono idea e decisero di tenerla e la pala si trova ancora oggi nella collocazione cui era destinata.

Correlato:  L’Annunciazione del Crivelli
Basilica dei Frari, Venezia, veduta dell’altar maggiore con l’edicola e la pala di Tiziano.
Una scena grandiosa

L’Assunta è costituita da un solo grande pannello verticale a terminazione semicircolare, alto quasi sette metri; presenta, al centro, la scena con l’Assunzione della Vergine.

Tiziano, Assunta, 1516-18. Olio su tavola, 6,9 x 3,6 m. Venezia, Chiesa di Santa Maria Gloriosa dei Frari, altare maggiore.

Maria, vestita di rosso squillante, ascende verso il Padre Eterno che l’attende con le braccia aperte, sospinta dalle nuvole e da una schiera di angeli che cantano e suonano.

Tiziano, Assunta, particolare con Maria che viene assunta in cielo.
Correlato:  La tempesta di Giorgione
Tiziano, Assunta, particolare del volto della Vergine.
Tiziano, Assunta, particolare del volto di Dio Padre.

Tiziano, Assunta, particolare con gli angeli.

Le stesse nuvole completano, verso il basso, il semicerchio di coronamento della pala e coprono parzialmente, con la loro ombra, gli apostoli che assistono increduli all’evento miracoloso. Gli undici uomini sono variamente atteggiati e con le loro posizioni amplificano il moto ascensionale che vivacizza l’intera scena.

Tiziano, Assunta, particolare con gli apostoli.

La figura vestita di rosso e vista di spalle, per esempio, sembra quasi lanciare Maria verso l’alto. Tiziano modificò la tradizionale iconografia dell’Assunzione, che prevedeva, in basso, l’immagine del sepolcro vuoto. Anche la figura di Dio Padre, che sostituisce quella di Cristo, rappresenta un’importante novità.

Tiziano, Assunta, particolare con gli apostoli.

Il confronto con Raffaello

Confrontando l’Assunta di Tiziano con la Trasfigurazione di Raffaello, dipinta nello stesso periodo, si comprende cosa intendesse Vasari quando parlava di contrapposizione tra disegno fiorentino e colore veneziano, tra lo “stile scultoreo” della pittura tosco-romana e quello prettamente “pittorico” della pittura veneta. Ad un primo sguardo, l’Assunta di Tiziano presenta un’impostazione simile a quella della Trasfigurazione di Raffaello. Entrambe le opere presentano figure eroiche e grandiose, che si muovono con gesti ampi e altisonanti. Entrambe le composizioni si dividono in due parti: quella inferiore animata dagli apostoli, quella superiore sede dell’evento miracoloso.

Raffaello, Trasfigurazione, 1518-20. Olio su tavola, 4,05 x 2,78 m. Roma, Musei Vaticani.
Correlato:  Flagellazione e incoronazione di spine di Tiziano

Il dipinto di Raffaello, però, è più speculativo e concettuale, più marcatamente intellettuale. L’artista urbinate, poco interessato a rendere l’effetto dell’immediata realtà, utilizzò due punti di vista, uno per ogni parte della scena, in modo da scongiurare possibili distorsioni prospettiche che avrebbero potuto alterare la nobiltà delle forme. Tiziano, che al contrario puntava all’emozione visiva, presentò tutti i personaggi da un solo punto di vista; davvero lo spettatore ha l’impressione di osservare il miracolo dal basso e di partecipare emotivamente al trionfo di Maria che, accompagnandosi col gesto delle mani e la torsione del busto, sembra immersa in un mare di luce, lo stesso da cui emerge il Padre Eterno. La pittura di Tiziano risulta dunque più immediata; del resto, la pala veneziana non vuole presentarsi in alcun modo come una dimostrazione teologica ma, per così dire, come la “visione di una visione”, celebrante la magia di un evento prodigioso. Ancora, nel dipinto di Raffaello i personaggi sembrano comporre un gruppo scultoreo, lo spazio è costruito come un’architettura e la luce investe e rivela volumi già esistenti.

Raffaello, Trasfigurazione, particolare degli apostoli.

Le figure di Tiziano, viceversa, sembrano macchie che richiedono allo spettatore un piccolo sforzo di concentrazione, per non perderne i contorni nel tessuto cromatico del dipinto. Per Tiziano sono le luci, le ombre e il colore la materia prima dell’esperienza visiva: e proprio luci e ombre plasmano nel suo dipinto le forme, che il colore non riveste ma crea.


Previous Next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Pubblica il commento

  1. Il triangolo rosso individuato dai due apostoli e da Maria rende estremamente stabile l’intera raffigurazione : come noto infatti il triangolo è la sola figura geometrica indeformabile. Avendo poi tale triangolo una base molto più stretta rispetto all’altezza ne risulta una formidabile spinta ascensionale.

keyboard_arrow_up