menu Menu
La Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma e i suoi mosaici
Una delle più antiche basiliche paleocristiane di Roma.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in L’età altomedievale – Data: Dicembre 20, 2021 0 commenti 10 minuti
Lo Stendardo di Ur Articolo precedente La Maestà di Palazzo Pubblico a Siena di Simone Martini Prossimo articolo

Versione audio:

La Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, collocata sulla sommità del colle Esquilino, è una delle quattro basiliche papali della Città Eterna, ed anche la più grande dedicata alla Vergine Maria, e per questo motivo è nota con l’appellativo di “Maggiore”. Nonostante le successive manomissioni, si presenta come la meglio conservata di epoca paleocristiana. Fu fatta erigere da papa Sisto III tra il 432 e il 440. La costruzione fu avviata su una chiesa precedente della metà del IV secolo, che la tradizione voleva fosse stata la Madonna stessa ad ispirare, facendo nevicare ad agosto proprio sopra quell’area. Per questo, l’edificio è noto anche come Basilica Liberiana (da Papa Liberio che avrebbe fatto costruire l’edificio precedente) o come Santa Maria della neve.

Masolino, Fondazione di Santa Maria Maggiore, parte del Polittico di Santa Maria Maggiore (o Pala Colonna), smembrato, 1428. Tempera su tavola. Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte.

La basilica, nel tempo, ha subito alcuni interventi, anche se nel complesso ha conservato il suo impianto originario. Per questo motivo, essa si presenta grosso modo come doveva apparire all’epoca della sua costruzione ed essendo una delle più antiche di Roma riesce a restituirci anche l’aspetto delle basiliche pagane di cui ripropone la tipologia.

Leggi anche:  Le basiliche romane

Gli interventi

Verso la fine del XIII secolo, papa Niccolò IV (1288-1292) fece aggiungere un transetto, appena sporgente dai muri laterali, con la conseguente distruzione dell’antica zona absidale e la costruzione di una nuova abside, più ampia ed esternamente poligonale. Nel XV secolo, la navata centrale fu decorata da un ricco soffitto a cassettoni. Tra Cinquecento e Seicento, infine, si interruppe la continuità della trabeazione aprendo due arconi di passaggio a nuove cappelle laterali: la grande Cappella del SS.Sacramento, o Cappella Sistina, e la Cappella Paolina.

Basilica di Santa Maria Maggiore (V sec.) con la facciata di Ferdinando Fuga, 1741-43.

Gli ultimi interventi sulla basilica risalgono al XVIII secolo. Durante il pontificato di Benedetto XIV, l’architetto Ferdinando Fuga, tra il 1741 e il 1743, realizzò una nuova facciata, che si sovrappone a quella originaria, con un grande portico e da una loggia per le benedizioni. È del Fuga anche il grande baldacchino dell’altare maggiore, eretto su colonne di porfido e realizzato su modello di quello barocco di Bernini per la Basilica di San Pietro.

Basilica di Santa Maria Maggiore, prima metà del V secolo, ricostruzione della pianta originaria.
Leggi anche:  La Basilica di Santa Sabina a Roma e le basiliche paleocristiane

La pianta e l’interno

In origine, la Basilica di Santa Maria Maggiore presentava una semplice pianta rettangolare a tre navate. Quella principale era coperta da un soffitto a capriate ed era conclusa da un’abside semicircolare. I due colonnati, costituiti da 22 colonne di spoglio ciascuno, presentano capitelli ionici e sostengono una trabeazione continua, secondo la tradizione architettonica greca e romano-imperiale. La sequenza degli archi su colonne, presente invece nella coeva Basilica di Santa Sabina, sempre a Roma, costituì una novità tardoimperiale.

Basilica di Santa Maria Maggiore, prima metà del V secolo, interno verso l’altare. Roma.

La chiarezza delle forme architettoniche delle basiliche paleocristiane è l’espressione simbolica della semplicità e dell’armonia che regna nella comunità dei fedeli. Le due file di colonne, il motivo architettonico portante di tutta l’architettura, fungono da pareti-filtro e dividono lo spazio interno in parti gerarchicamente organizzate; ma sono anche direttrici dello sguardo, che va sempre direttamente al tabernacolo; scandiscono ritmicamente il percorso verso l’altare, accompagnando il cammino del fedele verso Dio. L’altare è, insomma, il punto di fuga visivo e la meta ideale di un percorso obbligato, di un cammino di progressiva e simbolica purificazione.

La chiesa è anche un funzionale ambiente di riunione, un’aula magna, una ecclesia per eccellenza. La luce del sole vi gioca un ruolo primario: il grande spazio della navata centrale – su cui un tempo si aprivano, in corrispondenza degli interassi di ogni coppia di colonne, 21 finestre per lato (la metà delle quali oggi risulta tamponata) – è illuminato direttamente da una luce chiara e uniforme che colpisce le ampie superfici coperte dai mosaici, lambisce le colonne e rischiara le piccole navate laterali.

Basilica di Santa Maria Maggiore, prima metà del V secolo, interno verso l’altare. Roma.

I mosaici

La continuità fra mondo pagano e cristiano è testimoniata nel campo delle tecniche dal grande favore che incontrò, nell’arte paleocristiana, il mosaico, affermatosi pienamente con l’inizio del V secolo. Usato in epoca imperiale per decorare i pavimenti delle ville e degli edifici pubblici (e, più raramente, pareti e fontane), il mosaico cominciò a ricoprire le pareti dei nuovi templi cristiani fino a invadere interamente l’architettura, trasformando le chiese, i battisteri e i mausolei in ambienti di altissima suggestione, capaci di elevare lo spirito del fedele a una dimensione intensamente spirituale.

Basilica di Santa Maria Maggiore, prima metà del V secolo, interno verso la controfacciata. Roma.
Leggi anche:  Il Cristo in trono di Santa Pudenziana a Roma

Anche la Basilica di Santa Maria Maggiore venne riccamente ornata con mosaici sin dalla prima metà del V secolo, sotto papa Sisto III. È ragionevole che si tratti della più antica decorazione presente a Roma in una chiesa cristiana.

I mosaici dell’arco trionfale mostrano scene piuttosto schematiche dell’Infanzia di Cristo organizzate su fasce sovrapposte e parallele, contro sfondi monocromi che non suggeriscono l’idea di spazio. I personaggi appaiono frontali, il senso dello spazio tende ad annullarsi, le prospettive sono molto approssimative e i fondi quasi piatti.

Storie dell’infanzia di Cristo, 432-440. Mosaico. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, arco trionfale.
Storie dell’infanzia di Cristo, 432-440. Mosaico. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, arco trionfale, lato sinistro.
Storie dell’infanzia di Cristo, 432-440. Mosaico. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, arco trionfale, lato destro.
Storie dell’infanzia di Cristo, 432-440. Mosaico. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, arco trionfale, particolare.

Le Storie del Vecchio Testamento

Nelle navate, sotto le finestre, furono realizzati dei riquadri, in origine racchiusi da edicolette, con Storie del Vecchio Testamento (Storie di Abramo, Giacobbe e Isacco sul lato sinistro, Storie di Mosè e Giosuè su quello destro). In origine i riquadri erano 42 (alcuni presentavano due scene sovrapposte); oggi ne restano solo 27 (12 sulla parete sinistra e 15 sulla destra) perché gli altri sono stati distrutti con le successive ristrutturazioni della chiesa.

Tutti questi mosaici presentano una certa vivacità narrativa e uno stile compendiario ma piuttosto naturalistico. Qui le composizioni sono articolate, le figure hanno ancora pose differenziate e sono dotate di consistenza volumetrica.

Il passaggio del Mar Rosso, 432-440. Mosaico. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, navata.
Abramo e gli angeli, 432-440. Mosaico. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, navata.
Abramo e Melchisedech, 432-440. Mosaico. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, navata.

I mosaici absidali e di facciata

In vista del Giubileo del 1300, durante il pontificato del francescano Niccolò IV, alla basilica venne aggiunto il transetto e creata una nuova abside, la cui decorazione venne affidata a Jacopo Torriti. L’artista, intorno al 1295, realizzò una grandiosa Incoronazione della Vergine e una sottostante Dormitio Virginis, considerate tra le prove migliori di mosaico duecentesco in Italia. Nello stesso periodo, Filippo Rusuti, come il Torriti esponente della scuola romana capitanata dal Cavallini, creò i mosaici per la facciata, che oggi risultano nascosti alla vista, dalla piazza, per la presenza della nuova facciata settecentesca del Fuga.

Jacopo Torriti, Incoronazione della Vergine e Dormitio Virginis, 1295 ca. Mosaico absidale. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore.
Jacopo Torriti, Dormitio Virginis, 1295 ca. Mosaico. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore.
Leggi anche:  Torriti, Rusuti e la scuola romana del Duecento

Il Presepe di Arnolfo

Sempre per volontà di Niccolò IV, all’interno della basilica venne allestito, nel 1291, il primo presepe inanimato della storia, a poco meno di settant’anni dal primo presepe “vivente”, ideato nel Natale del 1223 da san Francesco d’Assisi a Greccio. L’incarico venne affidato allo scultore, e architetto, Arnolfo di Cambio, che realizzò una serie di sculture in marmo (la Vergine con il Bambino, San Giuseppe, i Re Magi, l’asino e il bue), ad altorilievo, per il preesistente Oratorio del Presepe (risalente alla metà del VII secolo), che si affacciava sulla navata destra della basilica, in prossimità dell’altare.

Questo oratorio conteneva le reliquie della Natività, ossia alcuni frammenti della mangiatoia – in cui, secondo la tradizione, Gesù sarebbe stato deposto la notte di Natale – e anche le fasce in cui il Bambino sarebbe stato avvolto alla nascita. Per questo motivo, la Basilica è conosciuta anche come Sancta Maria ad Praesepe. I frammenti della mangiatoia, nel 2019, sono stati riportati a Betlemme.

Si consideri che questo Oratorio del Presepe assunse, per l’Occidente cristiano, il medesimo ruolo della Basilica della Natività a Betlemme, anzi l’intera Basilica di Santa Maria Maggiore venne considerata una “Seconda Betlemme”, diventando meta di pellegrinaggio in occasione delle festività natalizie.

Arnolfo di Cambio, Presepe, 1291. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, Cappella Sistina (sistemazione nella cripta dal 1586 al 2005).
Arnolfo di Cambio, Presepe, 1291. Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore, Museo della Basilica.

La Cappella del SS. Sacramento

Le reliquie furono conservate nell’antica cappella fino al 1585, quando un nuovo pontefice francescano, papa Sisto V, fece costruire da Domenico Fontana la monumentale Cappella del SS. Sacramento, detta anche Cappella Sistina.  L’intero Oratorio venne trasferito nella cripta sottostante alla nuova cappella. Fontana progettò un sistema assai ingegnoso per trasportare l’antico ambiente medievale, racchiudendolo in una gabbia di legno sollevata da carrucole e argani. Nell’Oratorio ricostruito, le sculture di Arnolfo vennero collocate da Fontana in un “nicchio quadro”, ossia una scarsella rettangolare posta alle spalle dell’altare, con un criterio molto distante da quello pensato in origine dallo scultore gotico. La scultura della Vergine, che Arnolfo aveva concepito probabilmente sdraiata, è andata persa in occasioni mai chiarite e venne sostituita nel tardo Cinquecento con quella che attualmente vediamo.

Pianta seicentesca della Basilica di Santa Maria Maggiore, con la Cappella Sistina (a destra) e la Cappella Paolina (a sinistra).
Illustrazione tratta da Il modo tenvto in trasportare la Capella vecchia del Presepio tutta intera l’armatura della capella, la pianta delli argani, e il luogo, doue s’haueua da calare, da Domenico Fontana, Della trasportatione dell’obelisco vaticano et delle fabriche di nostro signore papa Sisto V fatte dal cavallier Domenico Fontana, architetto di Sva Santita, libro primo, Roma 1590.


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Annulla Invia commento

keyboard_arrow_up