menu Menu
Le Brillo Box di Warhol e la “fine dell’arte” secondo Danto (ed Hegel)
Ogni cosa si può convertire in arte.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in Il Novecento: gli anni Cinquanta e Sessanta – Data: Maggio 14, 2021 0 commenti 5 minuti
Uta di Naumburg è sempre “la più bella del reame” Articolo precedente La Metafisica Prossimo articolo

Versione audio:

Nel 1964, Andy Warhol (1928-1987), maestro della Pop Art americana, realizzò una serie di sculture in cui riproduceva fedelmente delle scatole di pagliette saponate per pulire le stoviglie, marca Brillo, in vendita nei supermercati per pochi centesimi: le cosiddette Brillo Box, divenute subito famosissime almeno quanto le sue serigrafie con le lattine di zuppa Campbell.

Leggi anche:  Braque e la natura morta cubista
Andy Warhol, Barattoli di Zuppa Campbell, 1962. Pittura sintetica su 32 tele, 50,8 x 40,6 cm (ogni tela). New York, The Museum of Modern Art.
Leggi anche:  Marcel Duchamp
Andy Warhol, Brillo Box (Soap Pads), 1964. Polimeri sintetici e inchiostro serigrafico su legno, 43,3 x 43,2 x 36,5 cm. New York, Museum of Modern Art (MoMA).

ready-made né scultura

La critica fece non poca fatica a classificare queste opere. Sculture, propriamente, non sono; ready-made, alla maniera del dadaista Duchamp, neppure, perché non sono scatole originali (anche se identiche nelle dimensioni, nel colore, nella grafica). In questo senso, l’opera di Warhol si colloca sulla scia di quella, appena precedente, del new dada artist americano Jasper Johns.

Leggi anche:  Pop Art, Pop Music, Rock Music: capolavori in copertina
Marcel Duchamp, Fontana, 1917 (replica dell’originale perduto, 1964). Ready-made, orinatoio in porcellana bianca, altezza 62,5 cm. Collezione privata.
Leggi anche:  Christo, tra Nouveau Réalisme e Land Art
Jasper Johns, Tre bandiere, 1958. Assemblage, encausto su tela, 78,4 x 115,6 cm. New York, Whitney Museum of American Art.

Sculture o meno, il significato delle Brillo Box è il medesimo delle Green Coca Cola Bottles, in cui Warhol riprodusse in serigrafia l’immagine delle comuni e diffusissime bottigliette della bevanda, ma con un effetto mimetico-spiazzante più efficace.

Leggi anche:  Untitled: una riflessione
Andy Warhol, Green Coca-Cola Bottles, 1962. Polimeri sintetici e inchiostro serigrafico su tela, 2,09 x 1,44 m. New York, Whitney Museum of American Art.
Leggi anche:  Piero Manzoni e la sua Merda d’artista
Andy Warhol, Five Coke Bottles, 1962. Vernice di polimeri sintetici e inchiostro serigrafico su tela, 40,6 x 50,8 cm. Collezione privata.

Quando, nel 1964, Andy Warhol, in occasione di una sua esposizione presso la Stable Gallery di New York, ammucchiò le sue scatole di Brillo poggiandole l’una sull’altra, gli interni della galleria d’arte assunsero l’aspetto di un supermercato.

Andy Warhol, Brillo Box (Soap Pads), 1964. Polimeri sintetici e inchiostro serigrafico su legno, 43,3 x 43,2 x 36,5 cm ogni scatola. New York, The Andy Warhol Foundation for the Visual Arts, Inc.

Danto ed Hegel

Dalle Brillo Box di Warhol è partito uno dei più autorevoli critici d’arte americani, Arthur Danto (1924-2013), considerato anche un filosofo contemporaneo, per una riflessione sullo stato dell’arte oggi. Nella sua opera Oltre il Brillo Box. Il mondo dell’arte dopo la fine della storia (2010), Danto considera le Brillo Box come il discrimine storico-artistico di una nuova era, in cui ogni cosa si può convertire in arte, e di fatto sancisce la fine dell’arte medesima. Danto riprende, infatti, la tesi del «procedere dell’arte al di là di sé stessa» già formulata dal filosofo tedesco Friedrich Hegel (1770- 1831) il quale, nella raccolta intitolata Estetica (1835), aveva, di fatto, introdotto nel dibattito filosofico il problema della “morte dell’arte” o della “fine dell’arte” (Hegel, in verità, parlò di “scioglimento” dell’arte).

Andy Warhol, Brillo Box (Soap Pads), 1964. Polimeri sintetici e inchiostro serigrafico su legno, 43,3 x 43,2 x 36,5 cm ogni scatola. Esposte alla mostra “Not Warhol” 14.1.–18.2.1995, Zurigo, Galerie Bruno Bischofberger.

Perché le Brillo sono arte

La questione di partenza è la seguente: perché le scatole di Brillo contraffatte da Andy Warhol sono “arte” mentre le originali acquistabili al supermercato non lo sono? Se due cose risultano percettivamente identiche, perché una è un’opera d’arte mentre l’altra resta semplice oggetto? È una domanda che si può porre, a maggior ragione, a proposito di un qualunque ready-made dadaista o neodada. Il motivo di tale differenza non andrà ricercato negli oggetti in sé, evidentemente, ma dovrà risiedere altrove, ossia in una proprietà concettuale, rigorosamente indifferente alla percezione.

Leggi anche:  Andy Warhol, divo pop

Le scatole di Brillo sono un detersivo; le Brillo Box di Warhol sono una sua rappresentazione, per quanto fedelissima. E hanno un titolo, “Brillo Box”, mentre, nel caso del detersivo, “Brillo” è solo una marca. In quanto rappresentazione, e in quanto dotate di titolo, le Brillo Box sono soggette a una qualche interpretazione, che può essere la stigmatizzazione ironica della società dei consumi, la quale idolatra il mondo delle merci, o, al contrario, l’apologia del consumismo.

Andy Warhol, Brillo Box (Soap Pads), 1964. Polimeri sintetici e inchiostro serigrafico su legno, 43,3 x 43,2 x 36,5 cm. Collezione privata.
Leggi anche:  Andy Warhol reinterpreta la Venere di Botticelli

Una forma di filosofia

In tutto questo, è chiaro che l’estetica non riveste più alcun ruolo nella definizione dell’arte. Dunque, secondo Danto, l’arte, almeno quella tradizionalmente intesa, è giunta alla fine della propria storia. L’arte contemporanea è diventata una forma di filosofia dell’arte, che ignora il ruolo dei sensi, dei sentimenti, della bellezza e del gusto, e conferisce importanza solo a fattori concettuali. L’arte vale solamente in quanto tale. Lo aveva detto, Hegel: «l’arte è e rimane per noi, quanto al suo supremo destino, una cosa del passato».


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Invia commento

keyboard_arrow_up