menu Menu
I crocifissi gotici di Guglielmo e Giunta Pisano
Dal Christus Triumphans al Christus Patiens.
By Giuseppe Nifosì Posted in L’età gotica on 18 Settembre, 2019 4 Comments 7 min read
Masaccio e Masolino a confronto Previous Il “caso” dei Bronzi di Riace Next

Versione audio:

La figura di Gesù appeso sulla croce comparve per la prima volta nel V secolo, ai tempi di papa Sisto III, sulla porta lignea della Chiesa di Santa Sabina a Roma, affermandosi rapidamente sia nelle pitture murali d’Occidente sia in area bizantina. Fu in Toscana che, a partire dal XII secolo, si diffuse l’uso di far pendere nelle chiese, sull’altare del presbiterio, una croce di legno dipinta, che permetteva ai fedeli di stabilire un contatto privilegiato con la divinità. A quell’epoca, la forma dei crocifissi lignei dipinti era piuttosto complessa, perché alla croce vera e propria erano innestati piccoli pannelli rettangolari che presentavano altre figure legate alla Passione di Gesù. Nella parte in basso del palo verticale si trovava il piede o soppedaneo (ma anche “piè di croce”); ai lati del palo c’erano gli scomparti (con le figure della Vergine e di san Giovanni Evangelista e scene della Passione); in cima, la cimasa (che talvolta accoglieva la figura di Dio Padre o di Cristo risorto); infine, alle due estremità del braccio orizzontale, i terminali o capicroce (che potevano ospitare i simboli degli Evangelisti o altre figure sacre). Crocifissi gotici

Il Christus Triumphans

Nei crocifissi del XII secolo, Gesù è mostrato in posa rigida e frontale, con i piedi affiancati (i chiodi sono infatti quattro, uno per arto) e con gli occhi ben aperti, secondo l’iconografia del Christus Triumphans, cioè trionfante sulla morte, derivata da avori di epoca carolingia e assai diffusa nell’area centro-italiana. La regalità del Redentore, mostrato eretto e ancora vivo, non è intaccata dai segni del dolore e delle sevizie subìte.

Correlato:  I crocifissi di Cimabure
Maestro Guglielmo, Crocifisso, 1138. Tempera su tavola, 3 x 2,1 m. Sarzana (La Spezia), Duomo.

L’esempio più antico tra quelli che si sono conservati è il Crocifisso del Maestro Guglielmo, artista attivo a Pisa nel XII secolo. L’opera (in gran parte ridipinta all’inizio del XIV secolo) fu realizzata su tavola sagomata in legno di castagno e risale al 1138. Gli occhi di Gesù sono aperti; la testa, sollevata, è priva di corona di spine e circondata da un’aureola gemmata.

Maestro Guglielmo, Crocifisso, 1138. Particolare.

Le braccia di Cristo non sostengono il peso del corpo e sono parallele al suolo. Il capocroce sinistro ospita il volto del profeta Geremia e i simboli degli evangelisti Matteo e Marco (l’angelo e il leone). Il capocroce destro ospita il volto del profeta Isaia e i simboli degli evangelisti Giovanni e Luca (l’aquila e il bue). Il corpo di Gesù è mostrato privo di ferite, fatta eccezione per la piaga del costato (che, tuttavia, sappiamo essere stata provocata solo dopo la morte di Cristo e non mentre era ancora in vita). Nello scomparto laterale sinistro è presentata Maria addolorata, vestita di rosso con un manto blu. La Vergine indica con la mano il Figlio, secondo l’iconografia bizantina della Madonna Odigitria, “Colei che indica la strada”. Lo scomparto laterale destro ospita, invece, san Giovanni Evangelista accompagnato da una pia donna, probabilmente la Maddalena. Sotto la Madonna si trovano tre episodi della Passione: Bacio di Giuda, Flagellazione e Negazione di Pietro, Pie donne al sepolcro. Sotto Giovanni si trovano altri tre episodi della Passione: Salita al Calvario, Deposizione dalla croce, Deposizione nel sepolcro. Nella cimasa è raffigurata la scena dell’Ascensione. In alto, Cristo appare all’interno di una mandorla di luce; in basso, la Madonna e gli apostoli pregano con le braccia aperte. Nello spazio sottostante è riportato il titulus crucis in latino: Iesus Nazarenus Rex Iudeorum.

Correlato:  Crocifissioni contemporanee (prima parte): Congdon e Bacon
Il Christus Patiens

Dai primi del Duecento, al Christus Triumphans si sostituì il nuovo tipo del Christus Patiens (dal latino patiens-entis, participio presente di pati, che significa sia «soffrire» sia «sopportare»): dunque “paziente”, in quanto soffre e anche perché accetta il suo sacrificio. Questa nuova immagine del Redentore, più concreta e più occidentale, ha certamente la capacità, e la finalità, di sollecitare nel fedele un sentimento di dolente partecipazione. E senza dubbio non fu estranea all’affermazione di questa iconografia la crescente diffusione del pensiero francescano, fondato sull’umana immedesimazione di san Francesco con la Passione di Cristo. Crocifissi gotici

Coppo di Marcovaldo, Crocifisso di San Gimignano, 1264. Tempera su tavola, 296 x 247 cm. San Gimignano, Museo Civico.

Nel Crocifisso di San Gimignano di Coppo di Marcovaldo, databile al 1264, Cristo è mostrato con gli occhi chiusi e la testa lievemente reclinata. In quest’opera, il pittore (di cui abbiamo poche notizie biografiche, comprese tra il 1260 e il 1276) scelse di non allontanarsi troppo dalla tradizione. Altri artisti, invece, preferirono raffigurare il Christus Patiens in maniera più intensamente espressiva, con il corpo inarcato verso la sua destra nello spasimo della sofferenza, gli occhi serrati, il capo reclinato sulla spalla destra, il fianco squarciato con un fiotto di sangue che sgorga dalla ferita. Tra questi, soprattutto, Giunta Pisano. Crocifissi gotici

I crocifissi di Giunta Pisano

L’affermazione del Christus Patiens si deve infatti a Giunta Capitini, detto Giunta Pisano, il più autorevole pittore di metà Duecento. Originario di Pisa, non ha lasciato molte notizie della propria biografia; la sua attività, accertata tra il 1229 e il 1254, si divise tra l’Umbria e la Toscana. Sappiamo che nel 1236 Giunta si trovava ad Assisi, dove dipinse un crocifisso per la Basilica di San Francesco, poi andato perduto. Gli sono state attribuite con certezza altre tre croci: il Crocifisso di Santa Maria degli Angeli ad Assisi, il Crocifisso di San Ranierino a Pisa e il Crocifisso di San Domenico a Bologna.

Giunta Pisano, Crocifisso di Santa Maria degli Angeli, 1230-1240. Tempera e oro su tavola. Assisi, Museo di Santa Maria degli Angeli.
Giunta Pisano, Crocifisso di San Ranierino, 1240-1250. Tempera e oro su tavola, 185 x 135 cm. Pisa, Museo Nazionale di San Matteo.

In quest’ultimo, databile al 1254, Pisano elaborò un’immagine drammatica e ideale del Cristo agonizzante. Il corpo è teso nel dolore della morte e disegna col busto una lieve curva. La plasticità dell’anatomia è ottenuta attraverso convenzioni grafiche; i disegni dell’addome, del torace, delle fasce muscolari delle braccia e delle gambe, rafforzati lungo i contorni, sono intensamente chiaroscurati. I muscoli addominali, in particolare, presentano la tipica soluzione figurativa “tripartita”, ossia divisa in tre parti. Il volto del Redentore è inclinato sulla spalla destra, gli occhi sono chiusi, la bocca tesa in una smorfia di dolore.

Giunta Pisano, Crocifisso di San Domenico, 1254 ca. Tempera e oro su tavola, 3,16 x 2,85 m. Bologna, Chiesa di San Domenico.
Giunta Pisano, Crocifisso di San Domenico, 1254 ca. Particolare.

Si noti come, per dare maggiore risalto alla figura del Cristo, Giunta scelse di lasciare liberi da immagini gli scomparti e di trasferire nei due capicroce le figure della Vergine e di san Giovanni dolenti. A sinistra, la Vergine porta una mano al volto mentre con la destra indica il Figlio. A destra, san Giovanni Evangelista tiene in mano il suo Vangelo. La cimasa, che riporta il titulus crucis, era un tempo conclusa da un tondo, oggi perduto.

Correlato:  La Crocifissione di Grünewald

I crocifissi di Giunta Pisano avrebbero fatto da modello ai capolavori di Cimabue, celebrato pittore duecentesco nonché maestro di Giotto.

I tre crocifissi di Giunta Pisano a confronto.


Previous Next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Pubblica il commento

  1. buongiorno e complimenti!
    Mi permetto di suggerire un’ipotesi di lavoro; perché’ non pubblica un libro afferente i crocifissi medioevali?
    Questo libro, oltre ad avere successo, coprirà un vuoto presente nella storia dell’arte italiana.

keyboard_arrow_up