menu Menu
Il David del Verrocchio
Il capolavoro del maestro di Leonardo.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in L’età rinascimentale: il Quattrocento – Data: Ottobre 12, 2020 0 commenti 5 minuti
Keith Haring: dalle pareti preistoriche ai muri contemporanei Articolo precedente Il Trionfo della Divina Provvidenza di Pietro da Cortona Prossimo articolo

Versione audio:

Un soggetto assai ricorrente nell’arte del Rinascimento è David, l’eroe biblico che nel XV e XVI secolo venne eletto a simbolo di virtù civiche. Il David del Verrocchio.

David (o Davide) fu, secondo gli studiosi, un personaggio storico vissuto nel X sec. a.C., i cui tratti, tuttavia, restano ancora oggi piuttosto incerti. Presentato come patriarca ed eroe dall’Antico Testamento, la sua figura è stata certamente mitizzata. Secondo il testo veterotestamentario (Primo Libro di Samuele, 17), David era un giovane pastorello appartenente alla tribù di Giuda, diventato citarista (suonatore di cetra) e scudiero del re d’Israele, Saul. Durante la guerra fra Ebrei e Filistei, Golia, il comandante nemico temutissimo per la sua forza e le sue dimensioni, sfidò le schiere israelite a trovare un solo uomo disposto ad affrontarlo in un duello.

Leggi anche:  Il David di Donatello

Dopo quaranta giorni, David fu l’unico ad offrirsi volontario. Recatosi da solo e praticamente disarmato sul luogo concordato, prima che Golia gli si avvicinasse troppo David riuscì a tramortirlo, colpendolo in fronte con un sasso scagliato per mezzo di una fionda; poi lo decapitò, usando la stessa spada del nemico. Divenuto per questo generale di re Saul, poi suo genero e infine re egli stesso, intorno al 1000 a.C. egli trasferì la capitale del regno ebraico a Gerusalemme, da lui conquistata, che da allora fu chiamata “città di David”. Suo figlio secondogenito, Salomone, sarebbe diventato nel 961 a.C. uno dei più grandi sovrani di Israele.

Il David del Verrocchio

David è tradizionalmente raffigurato come un ragazzo malvestito o nudo, con la testa di Golia in mano o ai piedi. Donatello realizzò ben due statue con questo soggetto; celeberrimo è il David di Michelangelo. Nel Seicento, lo rappresentò il Bernini in una scultura e Caravaggio in diversi quadri.

Donatello, David bronzeo, 1440 ca. Bronzo, altezza 1,58 m. Firenze, Museo Nazionale del Bargello.

Tra i David quattrocenteschi è da ricordare anche quello di Andrea del Verrocchio (1435-1488), maestro di Leonardo da Vinci.

Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Bronzo, altezza 1,26 m. Firenze, Museo Nazionale del Bargello. Veduta anteriore.
Leggi anche:  Il David di Michelangelo
Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Bronzo, altezza 1,26 m. Firenze, Museo Nazionale del Bargello. Veduta laterale.
Leggi anche:  Il David del Bernini e le Statue Borghese
Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Bronzo, altezza 1,26 m. Firenze, Museo Nazionale del Bargello. Veduta posteriore.

La storia

L’opera è una scultura bronzea alta poco più di un metro. Fu eseguita dall’artista tra il 1472 e il 1475 per la famiglia Medici, probabilmente per il giovane Lorenzo il Magnifico. Agli inizi del Seicento faceva parte delle raccolte granducali degli Uffizi; dal 1870 è esposta nel Museo Nazionale del Bargello a Firenze.

Il David del Verrocchio al Museo del Bargello.

Questo capolavoro ebbe l’ambizione di gareggiare, per eleganza e pregevole fattura, con il David bronzeo di Donatello, pur senza riuscire a eguagliarne la complessità psicologica. L’opera, tuttavia, è di una bellezza straordinaria. Si ritiene che Verrocchio chiese al giovanissimo Leonardo di fargli da modello.

David di Donatello e David del Verrocchio a confronto.

Nell’interpretazione di Verrocchio, David, appena adolescente, ha un corpo snello ma scattante; le sue vene stanno ancora pulsando per il terribile sforzo compiuto.

Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Particolare del braccio destro.

Non è nudo ma abbigliato come un paggio di corte, con una tunica corta, aperta sul petto e retta da due spalline. Alti calzari arrivano fino a metà gamba e lasciano scoperte le dita dei piedi.

Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Particolare del busto.

Il corpo ponderato, dolcemente ancheggiante sulla propria destra, è bilanciato alla sinistra dal braccio appoggiato in vita e dalla testa girata dalla stessa parte. La gamba portante è quella destra, mentre la sinistra è leggermente flessa e arretrata. Il braccio destro tiene la spada (sostituita nel XVIII secolo dopo che fu perduto l’originale) che si proietta nello spazio.

Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Veduta dal basso.

L’espressione del viso

L’espressione del viso, dal sorriso appena abbozzato, esprime una adolescenziale spavalderia, la gagliarda soddisfazione di chi è consapevole di aver compiuto qualcosa di straordinario. Un casco di capelli ricci e ribelli incornicia il bel volto del ragazzo. Un eccellente restauro ha riportato in luce la doratura dei capelli, della veste e dei calzari.

Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Particolare del viso.
Leggi anche:  La Dama col mazzolino di Verrocchio e la Ginevra Benci di Leonardo
Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Particolare del viso.

Il giovane presenta ai piedi la testa del gigante Golia. Questa è separata dalla statua e difatti, talvolta, viene leggermente spostata.

Andrea del Verrocchio, David, 1472-75. Particolare della testa di Golia.
David di Donatello, David del Verrocchio e David di Michelangelo a confronto.


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Commento all'articolo

keyboard_arrow_up