menu Menu
Dead Dad di Ron Mueck
Una cruda rappresentazione della realtà.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in Il secondo Novecento: dagli anni Settanta ad oggi – Data: Agosto 31, 2021 0 commenti 3 minuti
L’Allegoria con Venere e Cupido di Bronzino Articolo precedente La Ronda di notte di Rembrandt Prossimo articolo

Versione audio:

Non sono stati molti gli artisti che, nel corso della storia dell’arte, hanno fatto dei propri genitori un soggetto da dipingere o da scolpire. Raccontare del proprio padre e della propria madre è anche un raccontarsi, consentire al pubblico di entrare in una sfera molto intima del privato. Attraverso il ritratto di un genitore di artista si può capire molto dell’artista medesimo e anche dei tempi in cui questi visse.

Ron Mueck, Dead Dad, 1996-97. Acrilico su vetroresina, con capelli e peli umani (dell’artista), lunghezza 102 cm. Londra, Saatchi Gallery.

Dead Dad

Si consideri per esempio un ritratto di padre contemporaneo. Si tratta di Dead Dad (Papà morto), una piccola scultura iperrealistica dell’artista australiano Ron Mueck (1958). L’opera riproduce con inquietante precisione, ma in dimensioni non realistiche e ridotte, il cadavere del padre appena deceduto, completamente nudo e disteso per terra.

Leggi anche:  Banksy, pittore fuorilegge

Si tratta di una immagine da obitorio, in niente nobilitata e per nulla nobilitante, sebbene questa cruda immagine di morte richiami certe opere rinascimentali del Nord Europa, soprattutto tedesche, che riproducono il corpo di Gesù nel sepolcro.

Hans Holbein il Giovane, Cristo morto nella tomba, 1521. Olio su tavola, 200 x 30,5 cm. Basilea, Kunstmuseum.

Ma il padre di Mueck non è Cristo e la sua immagine non ha nulla di divino. È un uomo qualunque, piuttosto esile e con le spalle strette. La sua nudità mette a disagio perché non è esteticamente appagante: d’altro canto imbarazza la sola idea che l’artista abbia potuto rappresentare nudo il proprio padre.

Ron Mueck, Dead Dad, 1996-97. Acrilico su vetroresina, con capelli e peli umani (dell’artista), lunghezza 102 cm. Londra, Saatchi Gallery.

Mueck affronta il tema della morte e della perdita in un modo talmente crudo e diretto da risultare disturbante. Suo padre è morto e lui ci presenta l’oggettività del suo cadavere, senza infingimenti. Che padre è stato? E l’artista che visione aveva di lui?

Leggi anche:  La nona ora di Cattelan
Ron Mueck, Dead Dad, 1996-97. Particolare.

Non è dato a sapersi, quel corpo non lo racconta. Però ci comunica un senso profondo di precarietà, di vulnerabilità, sicuramente accentuata dalle ridotte dimensioni dell’opera. Ci chiediamo, legittimamente, se questa è la piccola riproduzione di un padre morto o la rappresentazione della morte di un piccolo padre, metaforicamente parlando.

Ron Mueck, Dead Dad, 1996-97. Acrilico su vetroresina, con capelli e peli umani (dell’artista), lunghezza 102 cm. Londra, Saatchi Gallery.

Cos’è dunque Dead Dad? Una cinica visione di assenza? Un memento mori, una riflessione amara sulla transitorietà della nostra esistenza? Non è facile a stabilirsi. Mueck avrebbe potuto commemorare suo padre presentandolo come l’eroe invincibile e immortale che ogni bambino vede nel proprio genitore e invece ne ha fatto una dolente testimonianza della sua, e quindi nostra, umana finitezza.

Leggi anche:  For the love of God di Hirst
Ron Mueck, Dead Dad, 1996-97. Acrilico su vetroresina, con capelli e peli umani (dell’artista), lunghezza 102 cm. Londra, Saatchi Gallery.


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Invia commento

keyboard_arrow_up