menu Menu
La Deposizione di Volterra di Rosso Fiorentino
Un nuovo linguaggio pittorico per il Rinascimento.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in L’età rinascimentale: il Cinquecento – Data: Settembre 26, 2021 0 commenti 4 minuti
Gli spaccapietre: da Courbet a Salgado, raccontare il lavoro Articolo precedente L’arte barbarica Prossimo articolo

Versione audio:

Il fiorentino Giovanni Battista di Iacopo, detto Rosso Fiorentino (1495-1540) per il colore dei suoi capelli, si formò con il coetaneo Pontormo nella bottega di Andrea del Sarto, mostrando una personalità autonoma e originale fin dalle sue prime opere. A differenza dell’amico Pontormo, che era un uomo introverso e inquieto, Rosso è ricordato come irrequieto e trasgressivo. Nell’arte, come nella vita, egli operò sempre con spirito ribelle, mostrandosi come un critico spregiudicato e irriverente delle consuetudini pittoriche rinascimentali. In pochi anni, Rosso dipinse opere straordinariamente originali ed inquietanti, dove il senso della realtà è trasposto in una nuova visione artistica. La Deposizione di Volterra di Rosso Fiorentino.

Leggi anche:  Andrea del Sarto
Rosso Fiorentino, Deposizione di Volterra, 1521. Olio su tavola, 3,41 x 2,01 m. Volterra, Pinacoteca Civica.

La Deposizione di Volterra

La cosiddetta Deposizione di Volterra fu dipinta da Rosso Fiorentino nel 1521 per la Cappella della Confraternita della Croce di Notte, annessa alla Chiesa di San Francesco di Volterra. L’opera, firmata e datata sul piede della scala in basso (RUBEUS FLOR. A.S. MDXXI), è, secondo la critica, l’espressione più stilisticamente esasperata di tutto il filone anticlassico del primo Cinquecento. E questo per l’invenzione compositiva, la complessa gamma cromatica, ancora più astratta di quella michelangiolesca, la resa delle anatomie, il trattamento dei panneggi. La modellazione delle forme è particolarissima: dura, spezzata a tratti, ricca di spigoli vivi. Anche la luce svolge un ruolo fondamentale: il cielo del crepuscolo, cupo e senza nubi, crea uno sfondo uniforme, più luminoso nella parte inferiore, verso l’orizzonte, e più intenso verso l’alto, e amplifica l’atmosfera di angoscia che aleggia sulla scena.

Rosso Fiorentino, Deposizione di Volterra, 1521. Particolare.

I personaggi

Lo spazio e la narrazione sono dominati dalla grande croce, intorno alla quale si affannano quattro personaggi, arrampicati con fare incerto su tre scale dalle diverse inclinazioni e impegnati a sostenere il corpo del Cristo, prossimo a cadere, che l’uomo in cima alla scala di sinistra (forse Giuseppe d’Arimatea) indica urlando.

Rosso Fiorentino, Deposizione di Volterra, 1521. Particolare con Cristo deposto.
Leggi anche:  Il Tondo Doni di Michelangelo
Rosso Fiorentino, Deposizione di Volterra, 1521. Particolare con Cristo e Giuseppe di Arimatea.

Questa figura, assieme a quella del vecchio con barba e turbante (forse Nicodemo) che pare affacciarsi dalla sommità della croce, è investita da un forte vento che ne gonfia i panneggi. San Giovanni Evangelista dai capelli rossi, raffigurato in basso a destra, volge le spalle alla scena e nasconde il volto con le mani, pietrificato dal dolore: è stato ipotizzato che possa essere un autoritratto dell’artista.

Rosso Fiorentino, Deposizione di Volterra, 1521. Particolare con Giovanni Evangelista.

La Maddalena, inginocchiata, non abbraccia la croce come nell’iconografia tradizionale ma la Madonna, la quale sembra essere appena svenuta ed è sorretta da due donne la cui granitica fissità contrasta con l’agitazione degli uomini più in alto.

Leggi anche:  La Pietà di Michelangelo

Sullo sfondo, in basso a destra, si intravedono, piccolissimi, dei soldati che si allontanano, identificabili con gli aguzzini che crocifissero Gesù.

Rosso Fiorentino, Deposizione di Volterra, 1521. Particolare con Maria e le pie donne.

L’influenza di Michelangelo e di Dürer

I riferimenti iconografici alla pittura di Michelangelo non sono pochi: l’uomo con il perizoma giallo richiama un soldato del cartone per la Battaglia di Cascina, il Cristo è una citazione della Pietà Vaticana; ma il Buonarroti, che ispirò al Rosso anche i colori squillanti e i chiaroscuri cangianti, è interpretato alla luce di una potente, personalissima ispirazione poetica. Vi furono, sicuramente, altre fonti di riferimento, prima di tutte la contemporanea pittura nordica e in particolare la produzione a stampa del Dürer, da cui Rosso avrebbe potuto trarre alcune espressioni e caratterizzazioni fisionomiche.

Leggi anche:  Albrecht Dürer

Una curiosità: l’opera venne citata da Pier Paolo Pasolini in un vero e proprio tableau vivant nel film La ricotta del 1963.

Un fotogramma del film La ricotta di Pier Paolo Pasolini, 1963.


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Annulla Invia commento

keyboard_arrow_up