menu Menu
Il Dittico degli Uffizi di Piero della Francesca
La coppia di ritratti più famosi del Rinascimento italiano.
By Giuseppe Nifosì Posted in Opere, artisti e movimenti on Settembre 30, 2019 0 Comments 4 min read
Le Madonne di Leonardo Previous I ritratti di Pisanello Next
Versione audio:

La grande fortuna di Piero della Francesca (1415/1420-1492), eccellente pittore rinascimentale, è sicuramente legata, almeno in parte, al rapporto privilegiato che questi ebbe con la corte di Urbino, governata con pugno di ferro dal Duca Federico da Montefeltro, suo grande ammiratore. Federico, guerriero tanto valoroso quanto privo di scrupoli, aveva acquisito nel tempo la cultura degna di un sovrano europeo e alimentato un clima di sontuoso e raffinato mecenatismo. I letterati e gli artisti più noti del tempo ben volentieri si recavano nella città marchigiana, attratti dal suo vivace clima culturale.

Piero della Francesca, Ritratti di Federico da Montefeltro e della moglie Battista Sforza, 1472 ca. Olio su tavola, 47 x 33 cm ciascuna. Firenze, Uffizi. Fronte.
Piero della Francesca, Ritratti di Federico da Montefeltro e della moglie Battista Sforza, 1472 ca. Olio su tavola, 47 x 33 cm ciascuna. Firenze, Uffizi. Retro.

I rapporti tra Piero e la corte urbinate dei Montefeltro s’intensificarono dal 1470 al 1480. A questo periodo risale il dittico con i Ritratti di Federico da Montefeltro e della moglie Battista Sforza, noto come Dittico degli Uffizi perché attualmente conservato in questo museo. Come attestano alcuni versi che corredano il dipinto di Battista Sforza, il ritratto venne realizzato dopo la sua morte: l’opera è quindi posteriore al 1472, quando la donna morì, e precede il 1482, anno di morte di Federico. Il doppio ritratto celebrativo si trovava in origine nella Sala delle Udienze di Palazzo Ducale, a Urbino; le due tavole di cui era composto, oggi separate, un tempo erano unite da cerniere, che permettevano di chiudere il dittico a libretto lasciando all’esterno i due Trionfi allegorici. L’opera è infatti concepita secondo la tradizione numismatica romana. Entrambe le tavole, come una medaglia, presentano da un lato il profilo dei signori; dall’altro lato, un dipinto mostra Federico vestito con l’armatura e seduto su un carro trainato da due cavalli bianchi; l’altro, invece, la moglie Battista, ancora su un carro ma questa volta trainato da unicorni. Entrambi i Trionfi, che recano in basso una iscrizione in latino, alludono alle qualità morali dei signori di Montefeltro.

Piero della Francesca, Trionfo allegorico di Federico da Montefeltro, 1472 ca. Olio su tavola, 47 x 33 cm. Firenze, Uffizi.
Piero della Francesca, Trionfo allegorico di Battista Sforza, 1472 ca. Olio su tavola, 47 x 33 cm ciascuna. Firenze, Uffizi.

È bene osservare che in Italia, ancora nella seconda metà del Quattrocento, il ritratto di profilo veniva adottato ogniqualvolta si doveva celebrare la sovranità o il prestigio dei personaggi raffigurati. Federico e Battista sono rappresentati nel dittico uno di fronte all’altra: la donna a sinistra, l’uomo a destra.

Piero della Francesca, Ritratti di Federico da Montefeltro e della moglie Battista Sforza, 1472 ca. Olio su tavola, 47 x 33 cm ciascuna. Firenze, Uffizi. Fronte, senza cornice.

Il signore di Urbino del resto veniva sempre rappresentato da questo lato per ragioni di decoro in quanto, nel 1450, aveva perduto l’occhio destro durante un torneo. Il suo particolarissimo profilo era poi il risultato di un intervento di chirurgia, dai dubbi risultati estetici ma assai funzionale: il duca si era fatto asportare un pezzo di naso, per poter sbirciare con l’occhio buono anche dall’altra parte.

Piero della Francesca, Ritratto di Federico da Montefeltro, 1472 ca. Olio su tavola, 47x 33 cm. Firenze, Uffizi.

Il duca guarda immobile la moglie, la quale invece sembra fissare lo sguardo verso un punto lontano e indeterminato. L’incarnato della donna presenta un’intonazione pallidissima, che risalta sulla stoffa nera della veste funebre al pari delle perle che le ornano il collo; i capelli biondi, coperti da un velo, sono acconciati in un nodo fermato da un monile sopra l’orecchio.

Piero della Francesca, Ritratto di Battista Sforza, 1472 ca. Olio su tavola, 47 x 33 cm. Firenze, Uffizi.

Il volto di Federico, dalla carnagione scura, è reso con impietoso realismo. Anche il paesaggio alle spalle dei duchi, con le navi che solcano uno specchio d’acqua, è dipinto con tecnica quasi miniaturistica e con un’attenzione degna dei migliori modelli fiamminghi, di cui Piero si confermava interprete tra i più sensibili in Italia. Il paesaggio è protagonista non secondario anche nei Trionfi allegorici del verso dei ritratti, in cui prospettiva e profondità creano effetti di straordinaria suggestione. k

Piero della Francesca, Ritratto di Federico da Montefeltro, 1472 ca. Particolare.
Condividi con gli amici:
Facebooktwitterlinkedinmail


Previous Next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

keyboard_arrow_up