menu Menu
Il mare di Guccione
Oltre la natura, oltre il tempo.
By Giuseppe Nifosì Posted in Opere, artisti e movimenti on Luglio 17, 2019 0 Comments 3 min read
Le meraviglie del Barocco ibleo Previous I mari e i cieli di Cézanne Next
Versione audio:

Piero Guccione (1935-2018), pittore siciliano di Scicli, in provincia di Ragusa, in un Novecento irto di sperimentazioni audaci, in un’epoca che rifuggiva dalla tecnica tradizionale, driblando movimenti che giocavano con i materiali di riciclo, i concettualismi filosofici, le parole e le performance, ha prodotto un’arte di profonda suggestione mistica evolvendo in chiave moderna uno dei generi pittorici più antichi: il paesaggio.

Piero Guccione, Grande spiaggia, 1996-2001. Olio su tela, cm 151 x 91,5. Collezione privata

E il paesaggio marino in particolare, giacché la pittura di Guccione è prima di tutto pittura d’acqua. Mari sconfinati, immobili d’una calma assoluta e assolata, eterni perché senza tempo, in quanto essi stessi espressione di un tempo sospeso. Si tratta del mare siciliano, che nei secoli si è lasciato solcare da navi greche e puniche e poi arabe e bizantine e poi e poi…. fino ad oggi, che è speranza e baratro per migliaia di disperati in fuga sui canotti, rimanendo indifferente a tutti questi passaggi, lui, il mare di Sicilia, che è troppo grande e divinamente distante per accorgersi di tutto questo via vai.

Piero Guccione, L’onda e la luna, 2012-2014. Olio su tela, cm 106 x 76. Collezione privata

Il mare di Guccione, dunque, così denso di colore, così trasportato in atmosfere rarefatte e sospese, non è solo mare: è storia, è tempo, è vita, è morte. A Guccione si è rivolto, con queste parole, lo scrittore Gesualdo Bufalino (1920-1996): «il segreto della tua pittura a me pare stia qui: nell’aver trovato il punto di fusione armoniosa fra vista, visione e visibilio; nell’aver scoperto la giuntura fra quelle due parallele, apparentemente incomunicabili, che sono la verità e l’incantesimo. Questo mi pare il senso della tua arte, che unisce insieme la pietà per un mondo offeso dall’uomo e una sete insaziabile d’innocenza. […] E mentre affermi la tua fede nella trascrivibilità del reale, vi introduci una vibrazione di mistero, una esitazione e sospensione del tempo, quanto basta a insinuare il tremito del sacro dentro gl’ingranaggi inflessibili della ragione».

Piero Guccione, La linea verde, 2010-2014. Olio su tela, cm 110 x 105. Collezione privata.

Un grande letterato, Leonardo Sciascia (1921-1989) ha invece riconosciuto nelle tele di Guccione «una certa piattezza, intesa non come senso di tonalità quotidiana, svegliata abitudine, accidioso spegnersi del mondo intorno a noi; ma tutt’al contrario fuga dalle sensazioni, e cioè dal tempo, per andare (e restare) oltre».

Piero Guccione, Luna mattutina, 2009-10. Olio su tela, cm 150 x 98. Collezione privata.
Piero Guccione, Mattina di luglio a Punta Corvo, 2001-2003. Olio su tela, cm 70,2 x 128,3. Collezione privata.
Condividi con gli amici:
Facebooktwitterlinkedinmail


Previous Next

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cancel Pubblica il commento

keyboard_arrow_up