menu Menu
Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl: arte e fenomenologia
Ricercare l’essenza del reale.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in Postimpressionismo e Simbolismo – Data: Aprile 28, 2021 0 commenti 11 minuti
Braque e la natura morta cubista Articolo precedente La Pala Baglioni e la Deposizione Borghese di Raffaello Prossimo articolo

Versione audio:

«Quello che non ho ancora potuto ottenere, che sento che non otterrò mai nella figura o nel ritratto, l’ho forse toccato là, in quelle nature morte»: è quanto scrisse, alla fine della sua vita, il pittore Paul Cézanne (1839-1906), il più autorevole esponente del cosiddetto Postimpressionismo, l’ultimo grande maestro dell’Ottocento, il precursore del Cubismo. Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl.

Leggi anche:  I mari e i cieli di Cézanne
Paul Cézanne, La stufa nello studio, 1865 ca. Olio su tela, 41 x 30 cm. Londra, National Gallery.

L’interesse maturato da Cézanne per i problemi legati allo studio della composizione si tradusse subito in un amore viscerale per il genere della natura morta, che l’artista praticò nell’arco di tutta la sua carriera. Egli era consapevole che proprio le nature morte, meglio di ogni altro soggetto affrontato, potevano rendere visibile la sua poetica artistica.

Paul Cézanne, Zuccheriera, pere e tazza blu, 1865-66. Olio su tela, 30 x 41 cm. Parigi, Musée d’Orsay.
Leggi anche:  I nudi e i Bagnanti di Cézanne
Paul Cézanne, Natura morta in bianco e nero (Vaso, caffettiera e frutta), 1867-69. Olio su tela, 64 x 81 cm. Parigi, Musée d’Orsay.

La frutta e gli oggetti rappresentati in questi quadri erano quelli che il pittore si trovava in casa, nel suo studio in Provenza, dove l’artista, che aveva un’indole schiva e riservata, usava rifugiarsi e lavorare. Nonostante il loro carattere profondamente intellettuale e quasi filosofico, le nature morte di Cézanne, solo all’apparenza semplici se non addirittura banali, riescono comunque a parlarci di quotidianità, a rimandare a un contesto intimo e domestico, tranquillo e rassicurante. Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl.

Lo studio di Cézanne in Provenza, ad Aix-en-Provence.
Leggi anche:  Les demoiselles d’Avignon di Picasso
Lo studio di Cézanne in Provenza, ad Aix-en-Provence.
Leggi anche:  Pablo Picasso e Albert Einstein: relatività e quarta dimensione
Paul Cézanne, Natura morta con Cupido di gesso, 1895. Olio su tela, 71 x 57 cm. Londra, Courtauld Gallery.
Lo studio di Cézanne in Provenza, ad Aix-en-Provence.

La natura geometrizzata

Cézanne scrisse all’amico e collega Émile Bernard: «Permettetemi di ripetere quello che vi dicevo qui: trattare la natura secondo il cilindro, la sfera, il cono». Egli lo esortava, in pratica, a controllare e ordinare la realtà ricorrendo alla geometria, geometrizzando la natura. E proprio la frutta, e in particolare le mele e le arance, che sono sferiche, così come gli oggetti che si possono trovare su un tavolo, per esempio bottiglie, vasi e brocche, sono facilmente assimilabili alle forme del «cilindro, sfera e cono». Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl.

Paul Cézanne, Mele, 1878. Olio su tela. Cambridge, Fitzwilliam Museum (University of Cambridge).

Nelle sue nature morte, inoltre, Cézanne scelse di alterare la prospettiva e di ribaltare i piani, come aveva già fatto con i suoi paesaggi, sia durante il cosiddetto “periodo costruttivo” (1878-87) sia durante il “periodo sintetico” (1888-1906). Nelle creazioni di queste composizioni, i cambiamenti di punti di vista per le singole parti sono a volte evidenti, altre volte minimi e appena percepibili, a un primo sguardo, ma sempre presenti.

Paul Cézanne, Natura morta con mele cotogne, mele e pere, 1885-87. Olio su tela, 28,2 x 30,7 cm. Washington, White House.

Girare intorno agli oggetti

In un’opera del 1889, ossia la natura morta intitolata Tavolo da cucina, dove un piccolo tavolo coperto da una tovaglia bianca spiegazzata sorregge una grande canestra di frutta e degli oggetti da cucina, si nota che la canestra e il piano della tavola sono ridotti a puri volumi mostrati da punti di osservazione differenti. Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl.

Paul Cézanne, Tavolo da cucina, 1889. Olio su tela, 65 x 81 cm. Parigi, Musée d’Orsay.

Le due parti del tavolo, divise dalla tovaglia, sono collocate ad un’altezza diversa. La pera a destra è sproporzionata, come se fosse vista più da vicino. I riferimenti ai dati reali appaiono, insomma, puramente occasionali: la forma che prevale è infatti quella della sfera, cui si riconducono i volumi del vaso e quelli della frutta disposta sul tavolo e dentro il cesto; anche i recipienti di ceramica hanno un aspetto tondeggiante e geometrizzante.

Leggi anche:  Braque e la natura morta cubista

Rappresentando gli oggetti da diversi punti di vista, girandovi idealmente attorno, Cézanne intendeva accentuarne la consistenza volumetrica. Quella che si percepisce come una distorsione dell’immagine era, a parere dell’autore, una necessità imposta dalla volontà di liberare e rivelare l’energia vitale delle cose. Un insegnamento che ben avrebbero appreso Picasso e Braque e che sarebbe stato ereditato dal Cubismo.

Paul Cézanne, Natura morta con vaso di zenzero e melanzane, 1893-94. Olio su tela, 72,4 x 91,4 cm. New York, Metropolitan Museum of Art.
Leggi anche:  Le nature morte di Picasso e le tre fasi del Cubismo
Paul Cézanne, Natura morta con mele e arance, 1899. Olio su tela, 74 x 93 cm. Parigi, Musée d’Orsay.

Frutta sui tavoli

In una serie di sei nature morte realizzate nel 1899, nella sua bottega parigina, tra cui Natura morta con mele e arance, Cézanne raffigura sostanzialmente gli stessi oggetti e propone il medesimo principio compositivo. Ancora una volta, la scelta delle mele e delle arance è legata alla loro forma sferica e la costruzione spaziale, davvero assai complessa, si serve di molti punti di vista. Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl.

Paul Cézanne, Natura morta con mele, 1890. Olio su tela, 35,2 x 46,2 cm. San Pietroburgo, Ermitage.

Il colore conferisce solidità alle forme, come d’altro canto in tutte le nature morte dell’artista, dove i frutti sono colorati prevalentemente con giallo, rosso e verde, così come i fiori che talvolta decorano i vasi o le brocche. I tavoli sono generalmente color ocra. Stoffe, tende, pareti e stoviglie contengono, invece, varie sfumature di grigio, che creano un forte contrasto con la frutta.

Paul Cézanne, Il canestro di mele, 1893 ca. Olio su tela, 65 x 80 cm. Chicago, Art Institute.

Nella natura morta intitolata Il canestro di mele, la frutta è contenuta all’interno di un grande cesto in vimini appoggiato ad un rialzo e inclinato. Una bottiglia scura è posta al centro del piano mentre a destra, su di un piatto bianco, si presentano alcuni biscotti impilati a strati. Altre mele sono sparse sul tavolo, sopra a un panno bianco. Lo spigolo di destra del tavolo suggerisce il senso della profondità. Tuttavia, appare chiaro che l’unica, vera preoccupazione di Cézanne era quella di creare una composizione armonica ed equilibrata rispetto alla verticale centrale della bottiglia e alla superficie rettangolare e bidimensionale del dipinto. Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl.

Paul Cézanne, Natura morta con fruttiera, mele e pane, 1879-80. Olio su tela, 55,1 x 74,4 cm. Sammlung Oskar Reinhart «Am Römerholz», Winterthur, Schweiz.
Paul Cézanne, Natura morta con comò, 1883-87. Olio su tela, 73,3 x 92,2 cm.Monaco, Bayerische Staatsgemaldesammlungen.

Edmund Husserl

Questa attitudine e volontà, propria dell’arte di Cézanne, di trasferire la semplice visione fisica a una dimensione “altra”, rimanda in modo inequivocabile al pensiero del filosofo austriaco Edmund Husserl (1859-1938), contemporaneo di Cézanne, considerato il fondatore della fenomenologia, un orientamento filosofico secondo il quale i fenomeni non sono che punti di partenza per ricavare, dalla realtà, caratteristiche essenziali dell’esperienza. Secondo Husserl, gli oggetti che noi vediamo sono solo “adombramenti” che dobbiamo collegare in un qualcosa di unitario, il quale a sua volta sussiste indipendentemente da noi e dalla nostra attività conoscitiva: ciò che Cézanne avrebbe definito “l’essenza del reale”.

Paul Cézanne, Barattolo di zenzero e frutta (Ginger Jar), 1895 ca. Olio su tela, 73.3 x 60.3 cm. Philadelphia, Barnes Foundation.
Paul Cézanne, Zuccheriera, bricco e piatto con frutta, 1890. Olio su tela, 61 x 90 cm. Mosca, Museo Puskin.

Come vediamo una tavola

Husserl spiega molto bene che cosa significhi veramente vedere un oggetto, e fa l’esempio di una tavola: «Vedendo questa tavola, girandole attorno, cambiando la mia posizione nello spazio, io ho costantemente la coscienza dell’esistere di questa sola e medesima tavola, che rimane in se stessa assolutamente immutata. Invece la percezione della tavola è costantemente mutevole, anzi, è una continuità di percezioni mutevoli». Noi, insomma, conosciamo attraverso una pluralità di percezioni, operando una sintesi tra vari adombramenti, riannodando ogni «nuova percezione con il ricordo» della precedente. Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl.

Paul Cézanne, Compotier, Pitcher and Fruit, 1892-94. Olio su tela, 72,5 x 91,8 cm. Pennsylvania, The Barnes Foundation.
Paul Cézanne, Natura morta con teschio, 1898. Olio su tela, 65,4 x 54,3 cm. Philadelphia, Barnes Foundation.

Ogni oggetto con cui ci rapportiamo è prima di tutto una “costruzione” della nostra mente. Husserl distingue, conseguentemente, due forme di conoscenza. La prima è quella scientifica, ingenua e acritica perché accetta come vera solo la realtà esterna, senza porsi il problema della «possibilità della conoscenza in assoluto». Vi è poi la conoscenza filosofica (e noi potremmo dire anche “artistica”), la quale indaga anche fenomeni del tutto slegati dall’esistenza contingente (alcuni critici definiscono questo pensiero come “platonismo husserliano”).

Paul Cézanne, Natura morta con bottiglia, tazza e frutta, 1871 ca. Olio su tela. Berlino, Staatliche Museen zu Berlin, Gemaldegalerie.

Maurice Merleau-Ponty

Secondo il filosofo francese Morìs Merlò Pontì Maurice Merleau-Ponty (1908-1961), esponente novecentesco della fenomenologia, Cézanne fu in grado, con la sua pittura, di accedere alla trama invisibile dell’essere. Lo leggiamo in un suo saggio, Il dubbio di Cézanne, del 1945: «Cézanne non ha creduto di dover scegliere tra sensazione e pensiero come caos e ordine. Non vuole separare le cose fisse che appaiono sotto il nostro sguardo e la loro labile maniera di apparire, vuole dipingere la materia che si sta dando una forma, l’ordine nascente attraverso un’organizzazione spontanea». Dalle nature morte di Cezanne a Edmund Husserl.

L’arte, per Merleau-Ponty non è imitazione ma ricerca, attraverso la quale «il pittore riprende e converte in oggetto visibile ciò che senza di lui resta rinchiuso nella vita separata da ogni coscienza: la vibrazione delle apparenze che è la genesi delle cose».

Paul Cézanne, Natura morta con ciliegie e pesche, 1885-87. Olio su tela, 50,2 x 61. Los Angeles, County Museum of Art.
Paul Cézanne, Mele, pesche, pere e uva, 1879-80. Olio su tela, 38,5 x 46,5 cm. San Pietroburgo, Ermitage.
Paul Cézanne, Natura morta con il cassetto aperto, 1879. Olio su tela. Collezione privata.


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Invia commento

keyboard_arrow_up