menu Menu
La Resurrezione di Rubens
La forza travolgente di una rinascita alla vita.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in Il Seicento – Data: Aprile 12, 2020 1 commento 2 minuti
Caravaggio e le apparizioni di Gesù: l’Incredulità di Tommaso e la Cena di Emmaus Articolo precedente Il Cristo morto di Mantegna Prossimo articolo

Versione audio:

La Resurrezionedi Cristo è un capolavoro di Pieter Paul Rubens (1577-1640), maestro fiammingo del Seicento e straordinario protagonista della stagione artistica che preparò l’avvento del Barocco. La tela venne dipinta attorno al 1616 e oggi è conservata a Firenze, essendo entrata a far parte delle collezioni medicee ai primi del Settecento. I Medici, d’altro canto, amavano molto la pittura di questo artista; per tale motivo, non sono pochi i suoi dipinti oggi conservati presso le collezioni fiorentine. La Resurrezione di Rubens.

Pieter Paul Rubens, Resurrezione di Cristo, 1616 ca. Olio su tela, 183 x 155 cm. Firenze, Palazzo Pitti, Galleria Palatina.

L’immagine concepita da Rubens è quella di un Cristo poderoso, di chiaro stampo michelangiolesco (secondo i modelli degli Ignudi della Sistina e dei Prigioni).La sua corporatura è massiccia, virile, oseremmo dire.

Pieter Paul Rubens, Resurrezione di Cristo, 1616 ca. Particolare.

Ancora parzialmente avvolto dal sudario, si alza trionfante dal suo catafalco in pietra, qui concepito come un vero e proprio altare:le spighe di grano sulla superficie lapidea, infatti, alludono al pane eucaristico. Il Risorto tiene nella mano sinistra il vessillo crociato, di cui vediamo solo l’asta. Lo affiancano tre angeli: uno, vistosamente vestito di arancione, lo aiuta a liberarsi dalla Sindone, gli altri due tengono la corona di spine, simbolo del suo martirio.

Pieter Paul Rubens, Resurrezione di Cristo, 1616 ca. Particolare.
Leggi anche:  La Resurrezione di Piero della Francesca
Pieter Paul Rubens, Resurrezione di Cristo, 1616 ca. Particolare.

La ricchissima gamma cromaticadel dipinto, capace di creare un contrasto tra la calda tonalità dell’arancio e le più fredde sfumature dei bianchi e dei verdi, costituisce, senza dubbio alcuno, uno dei suoi pregi maggiori; impeccabile la tecnica, tipica di Rubens, di ottenere le immagini attraverso l’intreccio di pennellate veloci.

Pieter Paul Rubens, Resurrezione di Cristo, 1611-12. Olio su tavola, 138 x 98 cm. Anversa, Cattedrale di Nostra Signora.

Rubens dipinse in varie occasioni scene desunte dalla Passione di Cristo e svariate altre Resurrezioni, tra cui quella, magnifica, di Anversa, antecedente a quella fiorentina, dove la solenne posizione del Cristo, in piedi mentre avanza, compiendo una torsione con il busto e travolgendo i soldati terrorizzati, già richiamavasia le sculture di Michelangelo sia alcuni modelli di statuaria antica.

Olio Pieter Paul Rubens Pittori europei del Seicento


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Invia commento

keyboard_arrow_up