menu Menu
Untitled: una riflessione
Quando un’opera d’arte non ha titolo.
Autore: Giuseppe Nifosì Pubblicato in Pensieri sull’arte – Data: Agosto 28, 2020 0 commenti 6 minuti
Il David di Michelangelo Articolo precedente Edward Hopper Prossimo articolo

Versione audio:

Un’opera d’arte ha normalmente un legame assai stretto con il titolo che la rende riconoscibile, sia quando questo è generico (pensiamo alle tante Madonne col Bambino o ai Crocifissi), sia quando il titolo la identifica in modo inequivocabile. Ciò capita per i capolavori che tutti conoscono, dove il titolo è anzi normalmente seguito dal nome dell’autore, come se questo diventasse parte integrante del titolo medesimo. Espressioni come “la Gioconda di Leonardo”, “il David di Michelangelo”, “Guernica di Picasso”, “L’urlo di Munch” circuitano opera, titolo e autore in maniera serrata. Untitled: una riflessione.

Leggi anche:  Guernica di Picasso
Leonardo, Ritratto di Lisa Gherardini, noto come Gioconda, 1503- 10 o 1514-19. Olio su tavola, 77 x 53 cm. Parigi, Musée du Louvre.

Ognuna delle tre realtà (opera, titolo, autore) rimanda immediatamente alle altre due. Guernica, nell’immaginario collettivo, è prima di tutto l’opera di Picasso, quella precisa opera di quel preciso pittore, e non la cittadina basca che l’ha ispirata. Il David è il vigoroso ragazzo scolpito da Michelangelo prima ancora che il personaggio biblico, e a tacere dei molti David che furono scolpiti e dipinti da altri autori, prima e dopo questo.

Pablo Picasso, Guernica, 1937. Tempera su tela, 3,51 x 7,82 m. Madrid, Centro de Arte Reina Sofia.
Leggi anche:  Kazimir Malevič
Michelangelo, David, 1501-4. Marmo, altezza 4,34 m. Firenze, Galleria dell’Accademia.
Leggi anche:  Pollock: i grovigli dell’anima
Edvard Munch, L’urlo, 1893. Tempera e pastello su cartoncino, 91 x 73,5 cm. Oslo, Nasjonalmuseet.

Dare un titolo a un’opera è come darle un nome, è come conferire ad essa una identità precisa, che la rende distinguibile, identificabile, come se si trattasse di una persona. A volte il titolo spiega l’opera, mostrando ciò che appare evidente a un primo sguardo: una Madonna col Bambino è quanto si vede. A volte rimanda a significati più profondi, più complessi, invita ad andare oltre l’immagine, ad attivare riflessioni, anche complesse. La famosa pipa di Magritte non è intitolata Pipa e nemmeno Questa non è una pipa, come recita la celebre frase che accompagna la figura, bensì Il tradimento delle immagini, giacché il quadro invita a indagare sulla natura stessa dell’arte e dei suoi fondamenti logici e linguistici.

René Magritte, Il tradimento delle immagini (Questa non è una pipa), 1928-29. Olio su tela, 58,5 x 94 cm. Los Angeles, County Museum of Art.

Così Una e tre sedie di Joseph Kosuth riflette sulle relazioni che intercorrono fra le cose, le loro immagini e le parole che le definiscono. Secondo Kosuth, l’arte può abbandonare il regno delle immagini per trasferirsi nel regno dei concetti e dei nomi. L’immagine può essere abolita ed essere sostituita dalla parola: l’arte si identifica con il linguaggio. Il titolo potrebbe, paradossalmente, prendere il posto dell’opera stessa.

Joseph Kosuth, Una e tre sedie, 1965. New York, Museum of Modern Art.

D’altro canto, in Fontana di Duchamp è il titolo ad avere il compito di dare senso all’opera e anche all’operazione artistica ad essa sottesa: l’oggetto esposto nasce come orinatoio, acquistato dall’artista in un negozio di sanitari, e in fondo un orinatoio rimane, seppure rovesciato. Se non ci fosse il titolo, tutto apparirebbe molto più banale. Intitolando l’opera, conferendo all’oggetto-orinatoio il nome di fontana, l’artista lo trasforma, lo fa diventare altro da sé e, in questo, qualifica tutto il senso del suo fare arte, la sua identità stessa di artista.

Marcel Duchamp, Fontana, 1917 (replica dell’originale perduto, 1964). Ready-made, orinatoio in porcellana bianca, altezza 62,5 cm. Collezione privata.

La più tradizionale arte figurativa, la più radicale arte d’avanguardia, la più sofisticata arte concettuale non rinunciano ai titoli. Esiste, tuttavia, nell’arte anche il variegato mondo dell’untitled, che comprende tutte le opere “Senza titolo”, ossia non intitolate oppure quelle che adottano titoli molto generici, come i dipinti numerati di Mondrian o di Pollock, le “composizioni” o le “improvvisazioni” di Kandinskij, i quadrati di Malevič, i Black Paintings di Ad Reinhardt.

Piet Mondrian, Quadro I, 1921. Olio su tela. Basilea, Collezione Muller-Widmann.

Jackson Pollock, Number 1, 1950, 1950. Olio, vernice e alluminio su tela, 2,21 x 3 m. Washington D.C., National Gallery of Art.
Vasilij Kandinskij, Composizione VII, 1913. Olio su tela, 2 x 3 m. Mosca, Galleria Tret’jakov.

Anche in questo caso, tuttavia, la scelta del non titolo non è affatto una forma di indifferenza, di insipienza, di mancanza di coraggio o di senso. Non intitolare un’opera è scelta artistica profonda e meditata quanto titolarla. Certamente, ci muoviamo qui nell’ambito di una dimensione assai intellettuale, e non a caso le opere senza titolo sono per lo più quelle novecentesche astratte, concettuali, quelle con finalità più fortemente spirituali o conoscitive: esse non fanno più appello alla capacità percettiva dello spettatore ma sollecitano e provocano i suoi processi più profondamente emotivi o mentali.

Kazimir Malevič, Quadrato nero su fondo bianco, 1915. Olio su tela, 1,06 x 1,06 m. San Pietroburgo, Museo Statale Russo.

L’untitled è uno spazio di libertà che ci viene concesso dall’arte (includendo in questa categoria pittura, visual art, fotografia, cinema, grafica), è esso stesso dimensione artistica, di volta in volta luogo dell’anima piuttosto che anfratto dell’inconscio. Le opere untitled spiazzano chi le osserva, lasciandolo da solo a gestire i propri sentimenti, i propri pregiudizi, le proprie certezze o incertezze culturali; sono finestre aperte sull’ignoto, varcate le quali, alla fine, il pubblico non può che cercare sé stesso. Ammesso che voglia farlo, ovviamente. Insomma, è il sublime, talvolta, la chiave di lettura più corretta per interpretare opere di tal genere.

Ad Reinhardt, Abstract painting, 1963. Olio su tela, 152,4 x 152,4 cm. New York, Museum of Modern Art.


Articolo precedente Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Annulla Pubblica il commento

keyboard_arrow_up